Circolo Canoa Catania --

Il Circolo Canoa Catania ha compiuto trent’anni; tre decadi trascorse tra glorie e sconfitte, sfide e crisi, elementi che ci hanno permesso di dominare costantemente la scena nazionale ed internazionale con la conquista di oltre 50 titoli italiani in diverse discipline quali la Canoa Olimpica, Canadese e Polo, Paracanoa e Dragon Boat.

Un sodalizio che in questi anni ha avviato alla canoa oltre 1000 atleti, cinquanta dei quali hanno vestito la maglia azzurra.

Un movimento che ha scritto e continua a scrivere la storia dello sport siciliano, offrendo un importante punto di riferimento per la canoa ed il kayak nel Sud Europa.

La fondazione risale al dicembre 1986 per opera di Salvo Messina, poco più che diciottenne e Daniele Insabella e Filippo Aversa appena diciannovenni. La sede iniziale fu un vecchio deposito della Canottieri Jonica nella parte antica del Porto di Catania. Salvo Messina assunse la carica di presidente, il più giovane d’Italia, imbattuto fino ad oggi in questo primato.

Nacque da subito un folto vivaio, alimentato anche dai numerosi alunni della scuola Pascoli del quartiere Civita e da tanti ragazzini attirati dell’intenso volantinaggio di quei mesi.

I risultati non tardarono ad arrivare, Felice Abate, Alessandro Gulisano, Carmelo Lo Presti, Salvo Litrico e Massimo Bergamo conquistarono numerosi piazzamenti alle prove nazionali del canoa giovani mentre tra i giovanissimi emergeva il mingherlino Fabrizio Messina.

Nel 1989 la sede fu trasferita al Molo di Levante dove oggi sorge l’attuale centro sportivo polifunzionale.

Nel 1993 arrivarono i primi titoli italiani a Sabaudia con Fabrizio Messina, Daniele Romano, Daniele Arena e Valerio Cienzo nel K4 Junior mt.10.000 e con Messina e Romano nel K2 mt.500. L'anno successivo arriverà il bronzo in K2 Junior mt.500 con Fabrizio Messina e Luca Angemi.

Nel 1994 il funambolico Costantino, copri la distanza del C1 Junior mt. 10.000. Da questo settore arrivarono diverse medaglie nazionali in C2 e C4 fino alla consacrazione di Enrico Cocola che giunse nel 2002 terzo nel C1 mt.1000 ai Campionati Italiani Ragazzi di Mantova

Nello stesso anno la squadra di canoa polo, composta da Klaus Pagano, Angelo Cicerone, Andrea Lo Cicero, Andrea Pappalardo, Luca Palermo, Alfonso Copia e Cristian Percolla conquistava la Serie A ai playoff di Cagliari, una permanenza nella massima serie mantenuta fino ad oggi. Quest’anno la squadra maschile senior, allenata da Salvo Messina, ha sfiorato il bronzo già conquistato nel 2002. 

Gli atleti Klaus Pagano, da tecnico, ed Orazio Strazzeri, da atleta, nel 2006 ad Amsterdam sono diventati vice campioni del mondo con la nazionale senior.

Nel 1996 Daniele Insabella venne eletto membro del Consiglio Federale Nazionale, rimarrà in carica ininterrottamente fino ad oggi. Nel recente mandato ha ricevuto la carica di Vice Presidente Vicario.

Nel 1997 il Circolo Canoa Catania, grazie alla caparbietà di Marco Romano, organizzò la Prima Edizione del Torneo Internazionale dello Jonio, la seconda edizione nel 1998 e la terza nel 2016.

Nel 1998 Simona Adonia stabilì il "triplete" conquistando tre titoli italiani nelle distanze del K1 ragazze mt.5000, mt.1000 e mt.500.

Nel 2000, dopo aver conquistato con Michelangelo Cocola e Micheal Schermi oltre 10 titoli italiani nelle categorie ragazzi e junior, per mano del tecnico Daniele Insabella, Francesco Moro, Marco e Andrea Napoli (tutti e tre ancora juniores) insieme a Federico Cannizzo giunsero secondi nel K4 Senior mt.500 ai Campionati Italiani Assoluti di Milano a meno di un secondo dall’equipaggio delle Fiamme Gialle con a bordo i campioni olimpici Rossi e Bonomi.

Nel 2001 il tecnico Daniele Romano iniziò il percorso della Paracanoa insieme ad un talentuoso Andrea Biagi , eroico pioniere nel Sud Italia di questa disciplina. Da quel momento arrivarono numerosi titoli italiani e grandi successi in azzurro grazie ad una squadra tenace ed appassionata. Quest’anno il vice campione d’Europa Salvo Ravalli ha partecipato ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro ben figurando, Biagi è considerato una leggenda ancora in attività del movimento nazionale e Claudio Carbonaro (esordiente) ha conquistato un’importante medaglia ai Campionati Italiani Assoluti di Milano. Oggi il movimento paralimpico guidato da Romano rimane l’unico da Roma in giù.

Nel 2002 nasce la prima squadra femminile di canoa polo e nel 2009 giunge il primo scudetto, ne arriveranno altri 5 di cui quattro consecutivi. Nel 2015 le ragazze di Sandra Catania, oltre allo scudetto, conquistano il bronzo alla Coppa Campioni, quest’anno l’argento europeo. Molte delle nostre ragazze hanno vestito la maglia azzurra contribuendo, da titolari, agli importanti piazzamenti della nazionale rosa.

Nel 2007 gli atleti Fabrizio Messina e Alessandra Catania assumono la carica di membri del Consiglio Direttivo affiancando i soci fondatori Salvo Messina e Daniele Insabella. Nello stesso periodo vengono investiti importanti capitali privati dei soci per la ristrutturazione dell’attuale Centro Sportivo, ridando nuovo splendore e rilancio alla sede storica. L’impegno finanziario di quell’anno è ancora in ammortamento.

Nel 2009 il Circolo Canoa Catania partecipa per la prima volta al Campionato Assoluto di Dragon Boat di Firenze, conquistando un onorevole quarto posto nel misto mt.200. Oggi l’equipaggio catanese, allenato da Fabrizio Messina, ha conquistato diversi titoli italiani nel misto e femminile e rimane una delle più importanti realtà del Sud Italia, molti degli atleti azzurri vestono ed hanno vestito la maglia azzurra contribuendo attivamente alla conquista di importanti piazzamenti ad europei e mondiali.

Nel 2010 Salvo Messina e Ciccio Landolina in K2, insieme ad un equipaggio Maltese ed uno Tunisino, compiono la prima traversata del mediterraneo di lunga portata: Tunisia-Lampedusa-Malta. Nel 2011 il K2 di Fabrizio Messina e Francesco Landolina coprì con successo la tratta Malta-Catania (senza assistenza) mentre nel 2012 gli stessi atleti in surfski realizzarono la lunga pagaiata da Vulcano a Catania. Insieme a loro importanti pagaiatori quali Gianni Montagner , Betty Bassanelli, Albert Gambina e Dorian J Vassallo .

Sempre nel 2010, Turi Messina e Ciccio Landolina hanno partecipato alla Competizione Mondiale di Surski alle Isole Hawaii, su un tracciato in pieno Oceano Pacifico di Km.54, ben figurando nel SS2.

Nel 2011 nasce un'importante collaborazione con la Federazione Maltese di Christopher Camilleri che ha fatto indossare la nostra maglia a numerosi atleti Maltesi d'acqua piatta. Nel 2014 è nata la nazionale di canoa polo Maltese di Karl Borg, sostenuta dal nostro tecnico Sandra Catania.

Nel 2014 nasce sul fiume San Leonardo la prima base esterna permanente del Circolo Canoa Catania per la canoa olimpica e paralimpica: Il Sette di Coppe Village.

Nel 2016 viene costituita la Sea Kayak Ackademy che si prefigge come obiettivo principale la crescita dell’attività remiera per mare su rotte note e meno note. Viene avviata inoltre, in queste settimane, l’attività di S.U.P.

Questi solo alcuni dei passaggi storici del nostro movimento, che oggi compie trent’anni ma che ha segnato l’esistenza di tante generazioni di Catanesi e non.

Rimangono ancora vivi i raduni a Lorica, Piediluco e Budapest, le numerose salate sul pullman di Condorelli, i punti nel polpaccio di Daniele Romano, il gol dalla sua porta di Klaus Pagano, il C1 mt.10.000 di Costantino, il K4 con Gulisano a capovoga di Milano, gli scherzi impossibili di Daniele Arena, il rapporto conflittuale tra Piero Conca e Luca Angemi, il motorino di Mario Conticello, la vespa di Cristian Percolla, etc.etc.etc

Grazie a tutti per questi 30 anni e per chi ancora non ci crede…questo è solo l’inizio.

Il Direttore Sportivo

Fabrizio Messina